Ambiente e salute

 

Margaritelli affonda le sue radici alla fine dell’Ottocento, partita come impresa per le lavorazioni forestali e la trasformazione del legno, a metà tra mondo agricolo e mondo industriale, ha sviluppato la sua strategia imprenditoriale in parallelo: tra la creazione di una produzione seriale di manufatti in legno di alta qualità e la ricerca di soluzioni per la coltivazione degli alberi che non alterassero l’equilibrio delle foreste.

La migliore scuola per quest’ultima possibilità viene dalla secolare cultura francese che ha sempre considerato l’integrità dei boschi e la vita dei singoli alberi come beni comuni da mantenere e non semplici commodities da sfruttare: un convincimento originato da una lunga storia di tutela forestale, di cui le prime notizie risalgono addirittura al Medioevo.

Ed è proprio in Borgogna che Margaritelli ha affinato la sua strategia di selvicoltura, analizzando e facendo proprie le tecniche e le normative che hanno permesso al patrimonio forestale della Francia di raggiungere e perfino accrescere la propria estensione forestale: 15 milioni di ettari di foreste da produzione, in cui ogni albero è censito, coltivato, tagliato, e quindi sistematicamente riforestato nel rispetto delle leggi. La stessa prassi che Margaritelli segue nella foresta di Fontaines per alimentare la produzione del suo stabilimento e segheria in loco (fondato già nel 1961, dove prendono vita le prime fondamentali fasi del processo di produzione di pavimentazioni in legno) e nelle coltivazioni in Umbria, dove ha sede lo stabilimento per le lavorazioni più sofisticate nel ciclo produttivo dei prodotti Listone Giordano, a Miralduolo di Torgiano. Questo insediamento industriale è stato progettato per l’alta tecnologia e la sostenibilità, in una proiezione temporale di medio e lungo termine, dove l’approvvigionamento di materia lignea rispetta le regole dell’equilibrio ambientale e i processi di lavorazione in stabilimento non generano agenti inquinanti o di cui comunque viene controllata ed abbattuta la nocività, all'interno di un territorio ad alta vocazione agricola ed enologica che va tutelato e rispettato.

Anche in Italia non manca l’impegno di Margaritelli nella salvaguardia del patrimonio forestale, ha dato vita in Umbria alla più importante opera di riforestazione italiana di latifoglie mettendo a dimora ben 25.000 nuove piante di rovere nella foresta di Città della Pieve. L’iniziativa interessa un territorio di oltre 150 ettari e ha ottenuto, primo caso in Italia nel suo genere, la doppia certificazione secondo lo standard internazionale FSC ® e PEFC ™.

Per scaricare il documento in cui si illustra la politica adottata dall'azienda Margaritelli SpA per perseguire la soddisfazione del Cliente e la tutela dei lavoratori e dell'ambiente, clicca sul seguente link

PROGETTI

Nell'ambito della nostra vocazione ambientalista abbiamo progettato degli interventi tecnologici per ridurre i consumi energetici dello stabilimento che prevedono il passaggio alla tecnologia di illuminazione LED e gestione "intelligente" delle lampade di essiccazione della linea di verniciatura.

Margaritelli ha ottenuto l'approvazione al progetto del Bando promosso dalla Regione Umbria POR FESR 2004/2014 a "sostegno degli investimenti per l'efficienza energetica e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabili" per la sede produttiva Listone Giordano a Miralduolo.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente percorso

 

Margaritelli affonda le sue radici alla fine dell’Ottocento, partita come impresa per le lavorazioni forestali e la trasformazione del legno, a metà tra mondo agricolo e mondo industriale, ha sviluppato la sua strategia imprenditoriale in parallelo: tra la creazione di una produzione seriale di manufatti in legno di alta qualità e la ricerca di soluzioni per la coltivazione degli alberi che non alterassero l’equilibrio delle foreste.

La migliore scuola per quest’ultima possibilità viene dalla secolare cultura francese che ha sempre considerato l’integrità dei boschi e la vita dei singoli alberi come beni comuni da mantenere e non semplici commodities da sfruttare: un convincimento originato da una lunga storia di tutela forestale, di cui le prime notizie risalgono addirittura al Medioevo.

Ed è proprio in Borgogna che Margaritelli ha affinato la sua strategia di selvicoltura, analizzando e facendo proprie le tecniche e le normative che hanno permesso al patrimonio forestale della Francia di raggiungere e perfino accrescere la propria estensione forestale: 15 milioni di ettari di foreste da produzione, in cui ogni albero è censito, coltivato, tagliato, e quindi sistematicamente riforestato nel rispetto delle leggi. La stessa prassi che Margaritelli segue nella foresta di Fontaines per alimentare la produzione del suo stabilimento e segheria in loco (fondato già nel 1961, dove prendono vita le prime fondamentali fasi del processo di produzione di pavimentazioni in legno) e nelle coltivazioni in Umbria, dove ha sede lo stabilimento per le lavorazioni più sofisticate nel ciclo produttivo dei prodotti Listone Giordano, a Miralduolo di Torgiano. Questo insediamento industriale è stato progettato per l’alta tecnologia e la sostenibilità, in una proiezione temporale di medio e lungo termine, dove l’approvvigionamento di materia lignea rispetta le regole dell’equilibrio ambientale e i processi di lavorazione in stabilimento non generano agenti inquinanti o di cui comunque viene controllata ed abbattuta la nocività, all'interno di un territorio ad alta vocazione agricola ed enologica che va tutelato e rispettato.

Anche in Italia non manca l’impegno di Margaritelli nella salvaguardia del patrimonio forestale, ha dato vita in Umbria alla più importante opera di riforestazione italiana di latifoglie mettendo a dimora ben 25.000 nuove piante di rovere nella foresta di Città della Pieve. L’iniziativa interessa un territorio di oltre 150 ettari e ha ottenuto, primo caso in Italia nel suo genere, la doppia certificazione secondo lo standard internazionale FSC ® e PEFC ™.

Per scaricare il documento in cui si illustra la politica adottata dall'azienda Margaritelli SpA per perseguire la soddisfazione del Cliente e la tutela dei lavoratori e dell'ambiente, clicca sul seguente link

PROGETTI

Nell'ambito della nostra vocazione ambientalista abbiamo progettato degli interventi tecnologici per ridurre i consumi energetici dello stabilimento che prevedono il passaggio alla tecnologia di illuminazione LED e gestione "intelligente" delle lampade di essiccazione della linea di verniciatura.

Margaritelli ha ottenuto l'approvazione al progetto del Bando promosso dalla Regione Umbria POR FESR 2004/2014 a "sostegno degli investimenti per l'efficienza energetica e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabili" per la sede produttiva Listone Giordano a Miralduolo.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente percorso


Certificazioni

Margaritelli ha conseguito nel corso degli anni le principali certificazioni internazionali ed è pertanto oggi in grado di offrire ai soggetti interessati le seguenti garanzie:

• conformità dei prodotti ai requisiti di qualità richiesti dalla propria clientela;

• accrescimento della soddisfazione del cliente migliorando, in modo continuativo, l’intero sistema di gestione aziendale;

• gestione ecocompatibile dei processi produttivi;

• monitoraggio delle caratteristiche di provenienza e di lavorazione delle materie prime e dei semilavorati utilizzati;

• per le foreste di proprietà, la qualità del proprio sistema di gestione forestale.

Tali certificazioni attestano ufficialmente la applicazione di normative volontarie in tema di qualità di prodotti e servizi offerti, oltre che in tema di salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali.

 

Margaritelli ha conseguito nel corso degli anni le principali certificazioni internazionali ed è pertanto oggi in grado di offrire ai soggetti interessati le seguenti garanzie:

• conformità dei prodotti ai requisiti di qualità richiesti dalla propria clientela;

• accrescimento della soddisfazione del cliente migliorando, in modo continuativo, l’intero sistema di gestione aziendale;

• gestione ecocompatibile dei processi produttivi;

• monitoraggio delle caratteristiche di provenienza e di lavorazione delle materie prime e dei semilavorati utilizzati;

• per le foreste di proprietà, la qualità del proprio sistema di gestione forestale.

Tali certificazioni attestano ufficialmente la applicazione di normative volontarie in tema di qualità di prodotti e servizi offerti, oltre che in tema di salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali.